Your stories‎ > ‎

Le mie memorie d'infanzia

Il mio primo ricordo di quando ero giovane e` un viaggio che ho fatto mentre andavamo in vacanza in Italia. Stavamo andando in auto alla casa di mia mamma a Gabriellini, provincia di Parma. Avevo un anno. Noi passavamo un tunnel a Parigi e ho lanciato il mio succchiotto e` finito fuori dal finestrino dell'auto. Ogni anno volevamo trascorrere tre settimane in Italia dove io non vedevo l'ora di giocare a bocce con i miei parenti, nuotare nel fiume sotto il ponte e mangiare molta pasta.
A casa, in Galles, prendevo l'autobus tutti i giorni per andare a scuola, studiavo, e, quando ritornavo a casa, finivo di fare i compiti e poi aiutavo i miei genitori nella preparazione di pesce e patatine fritte nel negozio di famiglia. Il negozio era aperto dalle 17.30 alle 22.30. Dopo questo, mi allenavo a giocare a tutti gli sport, ma volevo anche aiutare i miei genitori. Loro mi hanno insegnato come preparare il pesce e guadagnarmi la paghetta; io pulivo il pesce e sbucciavo le patate, perche` ero troppo giovane per servire i clienti in negozio. Spesso, alla fine della giornata, contavo i soldi in cassa e tenevo anche la contabilita`.
 
Translation:
My first memory of when I was young is a trip I made while were going on holiday to Italy. We were driving to my mother's house at Gabriellini, near Parma. I was one year old. We were crossing a tunnel in Paris and my dummy ended up outside the car window. Every year we wanted to spend three weeks in Italy and I couldn't wait to play bowl game with my relatives, swim in the river underneath the bridge, and eat a lot of pasta.
 
At home, in Wales, I used to catch the bus everyday to go to school, I used to study, and when I would get home, I would finish the homework and help my parents preparing fish and chips for the family shop. The shop was open between 5.30pm to 10.30pm.
 
After this, I used to train to play all sports, but I also wanted to help my parents. They taught me how to prepare the fish and how to earn some pocket money; I used to clean the fish and peal the potatos, because I was too young to serve the clients in the shop. Often, at the end of the day, I used to count the money in the till and keep the account register.
 
Paul Conti, Cardiff
             01/ June/ 2012
edited and translated
         by Bruna Chezzi
Comments